Vai direttamente ai contenuti della pagina

Emblema della Repubblica Italiana

Presidenza del Consiglio dei Ministri

DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITÀ

Rete per le Pari Opportunità

Testata registrata - n. 73/2008 del 26/02/08

Aiuto alla navigazione

Sei in: › Homenews
Europa 2020

26 maggio 2010

La nuova strategia "Europa 2020" rappresenta la prosecuzione del ciclo della strategia di Lisbona, ossia il piano di azioni e di riforme dell'Unione europea che aveva fissato obiettivi per l'ultimo decennio e che si conclude nel 2010. E' da qui che "Europa 2020" prende le mosse e riparte per affrontare nuove sfide: la nuova strategia, infatti, si fonda sulle realizzazioni conseguite fino ad oggi sotto forma di partenariato per la crescita e l'occupazione, ma si differenzia negli obiettivi, puntando su ambiti di intervento che possano migliorare l'azione collettiva dell'Unione. Per uscire più forti dalla crisi economica e per trasfomare l'UE in un'economia intelligente, sostenibile e inclusiva, con alti livelli di occupazione, produttività e coesione sociale.

La strategia "Europa 2020" si fonda su tre ambiti prioritari, che si rafforzano a vicenda:

  • una crescita basata sulla conoscenza come fattore di ricchezza: in un mondo in cui i prodotti e i processi si differenziano in funzione dell’innovazione, le opportunità e la coesione sociale vanno potenziate valorizzando l’istruzione, la ricerca e l’economia digitale;

  • coinvolgimento dei cittadini in una società partecipativa: l’acquisizione di nuove competenze, l’accento sulla creatività e l’innovazione, lo sviluppo dell’imprenditorialità e la possibilità di cambiare facilmente lavoro sono i fattori essenziali in un mondo che offrirà più occupazione;

  • crescita sostenibile, competitiva e più verde: l'UE dovrà essere più efficace in termini di competitività e produttività riducendo e razionalizzando il consumo delle energie rinnovabili e delle risorse, in un contesto in cui l'energia e le risorse implicano costi elevati e maggiore pressione concorrenziale.

La Commissione propone quindi cinque obiettivi da raggiungere nel 2020, pur considerando le differenze esistenti tra gli Stati membri:

  1. portare al 75% il tasso di occupazione tra i 20 e i 64 anni;
  2. aumentare al 3% del Pil dell'Ue le risorse investite in ricerca e innovazione;
  3. ridurre del 20% le emissioni di C02;
  4. abbassare a meno del 10% la quota di giovani che abbandonano la scuola e portare almeno al 40% il numero dei diplomati o laureati;
  5. puntare a 20 milioni in meno di persone a rischio povertà.

Gli obiettivi sono condivisi da tutti i 27 Stati membri: per garantire che ciascuno adatti la strategia alla propria situazione specifica - diversa per livelli di sviluppo ed esigenze - sono previsti percorsi nazionali in grado di modulare gli obiettivi globali in orientamenti e traguardi nazionali, con il fine ultimo di affrontare con successo le sfide a lungo termine (globalizzazione, invecchiamento, pressione sulle risorse) e promuovere la crescita per tutti.

Allegati: