Vai direttamente ai contenuti della pagina

Emblema della Repubblica Italiana

Presidenza del Consiglio dei Ministri

DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITÀ

Rete per le Pari Opportunità

Testata registrata - n. 73/2008 del 26/02/08

Aiuto alla navigazione

Sei in: › HomeIl DipartimentoPubblicazioni
Il silenzio e le parole


"Il silenzio e le parole" rappresenta i risultati della seconda fase del progetto "Rete antiviolenza Urban", coordinato dal Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, ricerca – azione realizzata in 17 città italiane focalizzando la conoscenza della percezione e della tolleranza al fenomeno della violenza verso le donne, valutando gli stereotipi associati.

Le attività realizzate hanno adottato indicatori di genere quali categorie interpretative per leggere la violenza contro le donne come un fenomeno legato alle relazioni tra i sessi ed alla "tolleranza" della violenza quale modalità possibile dei rapporti che gli uomini intrattengono con le donne. Sono stati inclusi nel discorso uomini e donne, le loro relazioni e il loro significato culturale e sociale.

Il progetto, operativo in 25 città dal 1998 al 2005, ha coinvolto migliaia di persone ed i risultati rappresentano uno spaccato prezioso per conoscere la mentalità sociale, i cambiamenti avvenuti o in corso, le esigenze di formazione e di servizio utili per fornire una risposta non ulteriormente vittimizzante alle donne, italiane e straniere, maltrattate e violentate. Per garantire assistenza tecnica alle città aderenti, il Dipartimento per le Pari Opportunità si è avvalso del Comitato tecnico scientifico dell'Unità Pari Opportunità dell'ISFOL. L'intervento ha voluto rafforzare il livello di conoscenza ed aumentare il patrimonio di dati disponibili, ma anche iniziare a sviluppare attività locali di formazione e messa in rete tra i servizi. Strumento di "verifica" dei dati raccolti con le indagini sono state le interviste in profondità realizzate con donne vittime di violenza che hanno mostrato il loro punto di vista, il vissuto della violenza nei suoi aspetti fenomenologici e la sua pervasività nella rete familiare, amicale e di comunità; come le donne siano state aiutate dai servizi o ricacciate nel loro silenzio.

Con questo lavoro si è cercato di coniugare differenti strumenti, soprattutto in chi opera sul terreno ed in particolare decisori delle politiche locali, da un lato stimolandoli alla conoscenza del problema e alla sua presa in carico, dall'altro valorizzando le pratiche dei servizi specializzati con un'ottica di genere, creati in questi ultimi trent'anni. I risultati di ogni città sono stati oggetto di un Rapporto di ricerca locale che illustra le informazioni raccolte, i risultati e quanto ottenuto.

Allegati: