Vai direttamente ai contenuti della pagina

Emblema della Repubblica Italiana

Presidenza del Consiglio dei Ministri

DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITÀ

Rete per le Pari Opportunità

Testata registrata - n. 73/2008 del 26/02/08

Aiuto alla navigazione

Sei in: › HomeIl DipartimentoProgettiP.A.R.I.
logo del progetto P.A.R.I. Padri Attivi nella Responsabilità Interna alla famiglia
Roma, 18 maggio 2006 - Secondo Comitato di Pilotaggio

Il 18 maggio 2006 si è riunito a Roma il II° Comitato di Pilotaggio del progetto P.A.R.I. – Padri Attivi nelle Responsabilità Interna alla famiglia -  promosso dal Ministero per i Diritti e le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri e finanziato dalla Commissione europea, DG Occupazione Affari Sociali e Pari Opportunità .

Il P.A.R.I. ha come partner nazionali  Isfol e S&T, e come partner transnazionali la Direzione Generale delle Pari Opportunità del comune di Madrid - Spagna (Ayuntamento de Madrid – Area del Gobierno de Empleo y Servicios a la Ciudania – Direccion General de Igualdad de Opportunitas), l'Organizzazione Panellenica delle Donne PANATHINAIKI – Grecia (Panhellenic Organisation of Women  PANATHINAIKI) e l'Ufficio Nazionale Pari Opportunità - Slovenia (Equal  Opportunities Office).

Il primo argomento all'ordine del giorno ha riguardato lo stato di avanzamento dei Rapporti di ricerca dei Paesi partners del progetto e le difficoltà, ove rilevate, nella compilazione dei questionari. Si è poi discusso delle proposte per le linee guida sulla conciliazione rivolte alle Autorità di Gestione dei Fondi Strutturali e per le linee guida sulla conciliazione rivolte alle Parti Sociali, dalle quali è emersa, alla luce dei primi risultati, la necessità di elaborare delle linee guida che si muovano sul doppio binario del cambiamento strutturale e di quello culturale.

Il comitato di pilotaggio si è concluso con l’approvazione del piano di comunicazione. In particolare, dalla discussione sulle proposte dei mezzi di comunicazione idonei alla diffusione della tematica della conciliazione tra vita lavorativa e vita familiare tra gli uomini – padri, è stata rilevata la necessità di fornire dei messaggi informativi  che vengano ugualmente recepiti in tutti i Paesi partner del progetto.