Vai direttamente ai contenuti della pagina

Emblema della Repubblica Italiana

Presidenza del Consiglio dei Ministri

DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITÀ

Rete per le Pari Opportunità

Testata registrata - n. 73/2008 del 26/02/08

Aiuto alla navigazione

Le pari opportunità nei Fondi strutturali
Primo Piano
Una giornata di festa


La conclusione dell'Anno Europeo delle Pari Opportunità per Tutti può considerarsi celebrata in Calabria con l'approvazione di un programma che assegna grande importanza al tema del rispetto e della promozione del mainstreaming di genere e delle pari opportunità, apprezzata dalla stessa Commissione europea e frutto della collaborazione della Task Force Calabria del Dipartimento per i Diritti e le Pari Opportunità - Presidenza del Consiglio dei Ministri con le dirigenze del Dipartimento Programmazione nazionale e comunitaria della Regione Calabria.
La connotazione di un Programma attento ai temi dell'inclusione sociale, dell'antidiscriminazione, delle pari opportunità di genere, assunti come principi trasversali, concorda con l'idea ispiratrice del Programma, i giovani e le donne motori dello sviluppo.

Grande la soddisfazione espressa dal Presidente della Regione Agazio Loiero nel corso della conferenza stampa di presentazione del POR FESR, tenuta assieme all'assessore alla programmazione Nazionale e Comunitaria Mario Maiolo, per il giudizio espresso dalla Commissione europea che ha definito il Por Calabria 2007-2013 come «uno dei migliori tra quelli sottoposti all'esame, per il forte e coerente disegno di sviluppo sotteso alla strategia, costruito sulla base di una serrata e puntuale analisi del contesto economico-sociale e territoriale, sostenuta da una coraggiosa intenzione riformatrice di marca "illuministica" e basata sulla valorizzazione delle risorse umane regionali».

I contenuti del Por Fesr sono stati illustrati dall'assessore Maiolo il quale ha rimarcato che «l'obiettivo principale della programmazione 2007/2013 è quello di sostenere lo sviluppo e la crescita del sistema economico, migliorando la competitività e le capacità attrattive del sistema territoriale nonché la diversificazione e l'innovazione delle strutture produttive».

Tra i punti di forza individuati per la programmazione dei fondi europei, figurano la concentrazione delle risorse, con punti precisi di investimento, direttamente legati alla crescita ed all'occupazione; la promozione delle pari opportunità; il rafforzamento della "governance"; politiche di sostegno ai giovani e a nuovi soggetti, il consolidamento del ruolo del partenariato istituzionale e sociale come protagonisti del cambiamento.
Siamo nelle condizioni di poter garantire, quindi, un controllo politico ma anche di gestione della spesa».

Concludendo, l'assessore Maiolo ha affermato che «con la Commissione europea non è stato mai enfatizzato il disastro lasciato con la precedente programmazione, ma abbiamo voluto dare il segnale che la Calabria aveva ripreso il suo cammino: non siamo stati gli ultimi, pur essendo partiti in ritardo».
Per tutto ciò, come dichiarato, dal presidente Loiero, «oggi è una giornata di festa per la nostra Regione».

I documenti illustrativi degli aspetti di pari opportunità del POR Calabria FESR 2007/2013 saranno prossimamente messi a disposizione sul sito della Task Force e del Dipartimento Programmazione della Regione Calabria

Approfondimenti: